Valle Caudina: nuova voce in bolletta elettrica, pagheremo anche per i morosi

By on 15 febbraio 2018

I morosi della luce sono in forte crescita. Sono quasi un milione le famiglie che non pagano la bolletta elettrica in Italia. Le richieste di sospensione sono state 826mila nel mercato di maggior tutela e 602mila nel mercato di maggior tutela. Nel primo caso le sospensioni revocate per avvenuto pagamento sono state il 15%, nel secondo caso il 61%. In totale si arriva a 940mila famiglie morose sulle quali pende la sospensione del servizio (dati aggiornati al 2015).
Questi dati hanno portato l’Autorità dell’Energia – che ora si chiama Arera – ad autorizzare l’inserimento di una nuova voce sulle bollette: si tratta di un contributo che pagheranno tutte le famiglie italiane a copertura degli scoperti lasciati dai morosi. Scoperti che, in passato, hanno portato al fallimento di numerose aziende del mercato libero come Esperia e Gala. Arera ha così deciso di ripartire tra gli utenti gli oneri generali di sistema, una parte della fattura elettrica, non pagati dai morosi. Si tratta delle imposte che le imprese elettriche -in qualità di sostituto d’imposta- fino ad oggi pagavano allo Stato anche per quei loro clienti che non le avevano versate.  Il fenomeno dei mancati pagamenti della bolletta della luce viene così spalmato su tutti i consumatori che, in questo modo, pagheranno il conto di chi evade la corrente.
Altre delibere ancora allo studio dovrebbero essere messe a punto nei prossimi mesi per completare le procedure con cui noi consumatori rimborseremo ciò che non è stato pagato dai furbetti della bolletta. (Fonte: www.laleggepertutti.it)

About Redazione

3 Comments

  1. vittoria

    15 febbraio 2018 at 13:29

    bello schifo!
    così si alimenta l’idea di non pagare il dovuto per l’utilizzo dell’energia elettrica…tanto a pagà ci pensano gli altri!!!!!!!
    E io dovrei andare a votare?????
    ma manco se mi pagano.

    • Gianni

      15 febbraio 2018 at 16:30

      Ma che strano!!! Oohh che bello,visto che la mia azienda non è stata pagata da un cliente allora posso spalmare l’ammanco sugli altri clienti e pagare meno tasse allo stato. Grazie Governo x l’aiuto che dai a questo popolo di caproni. Ti distingui sempre x le trovate da menti eccelse che sono il fiore all’occhiello del governo dittatoriale italiano.

  2. Domenico

    16 febbraio 2018 at 09:27

    Andate a votare. È l’unico strumento che ci rimane. Ricordatelo sempre: chi non vota in realtà vota e quel non voto va sempre ai soliti partiti che in questi anni hanno distrutto questo paese. Non fatevi abbindolare dai media dove vi fanno credere che sono tutti uguali. L’alternativa c’è e non c’e bisogno neanche dire quale sia . È evidente. Aprite gli occhi e basta lamentarsi.

Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *