Valle Caudina: Dopo i funghi arrivano le Bouches de Betizac

By on 14 settembre 2018

Valle Caudina. Si tratta di quelle particolari castagne, di origine francese, che sono un sorta di primizia. Non sono i classici frutti del Partenio, ma hanno una pezzatura molto più grande, un sapore diverso ed è molto difficile conservarle. Negli anni scorsi, quando sui castagni del Partenio, si è abbattuto il flagello del cinipide galligeno, molte persone hanno piantato questa nuova varietà di albero, che ora dà copiosi frutti. A quanto pare, quest’anno la loro commercializzazione è anche molto redditizia, si parla di 4 euro al chilo, al dettaglio si arriva anche ad 8 euro al chilo.
Si tratta di un’ottima notizia per quelle tante famiglie che hanno piccoli appezzamenti di terreno in montagna e che con le castagne integrano i loro redditi. Attenzione, però, a differenza dei funghi, le castagne non si possono raccogliere nei terreni privati. In questo caso, infatti, si tratta di furto vero e proprio. E’ necessario avere rispetto per chi investe in queste culture e si spacca la schiena per tenere puliti i terreni così da facilitare la raccolta.

About Redazione

Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *