Valle Caudina: Fondi della Regione a micro, piccole e medie imprese per l’innovazione

By on 2 agosto 2018

La Regione Campania finanzia, attraverso il bando per la realizzazione di Piani di investimento aziendali, i processi di innovazione.
Si tratta di un avviso indirizzato alle micro, piccole e medie imprese, anche in forma consortile e in forma di reti, in possesso dei seguenti requisiti: costituite da almeno 2 anni; con almeno una unità locale in Campania; con la piena disponibilità dell’immobile dove sarà realizzato l’investimento.
Sono ammissibili esclusivamente i progetti con un importo uguale o superiore a € 50.000,00 per le MPMI, Consorzi,  Società consortili e Reti- Soggetto e da € 150.000,00 per le le Reti-Contratto.
L’intensità di aiuto è pari al 70% del progetto presentato, per un massimo di 150.000,00e per le MPMI, Consorzi,  Società consortili e Reti- Soggetto e, 750.000,00 per l’intero Piano di investimento presentato da Reti- Contratto.
Gli investimenti realizzabili ai fini del contributo sono i piani di investimento aziendali costituiti da uno o più dei seguenti interventi:

  1. implementazione ed applicazione dei risultati (tecnologie, prototipi, brevetti, ecc.) della ricerca industriale e dello sviluppo sperimentale nel processo produttivo;
  2. implementazione di tecnologie open source basate sull’uso di Internet e di altre tecnologie web, per semplificare e migliorare i processi produttivi e la gestione aziendale (compresi i processi organizzativi interni), nonchè per l’interazione e la collaborazione con gli altri attori della catena del valore (clienti, fornitori, progettisti, rivenditori, etc);
  3. adozione e/o potenziamento dei servizi di e- commerce ( e– commerce business-to-business e business-to-consumer);
  4. attivazione di tecnologie per il perfezionamento o la creazione di prodotti e/o processi produttivi nella fase di simulazione e ingegnerizzazione (manifattura digitale);
  5. ogni altra soluzione che favorisca l’evoluzione verso un sistema di manifattura digitale;
  6. sviluppo di soluzioni ICT in grado di ricombinare assieme “saperi tradizionali” e competenze “digitali”;
  7. sviluppo di sistemi di sicurezza informatica;
  8. la condivisione e lo sviluppo di tecnologie open source e di sistemi ICT al fine di potenziare la cooperazione e la collaborazione tra imprese in particolare negli ambiti della co-progettazione, dell’attività di co-markership, della razionalizzazione logistica;
  9. soluzioni tecnologiche innovative per l’operatività di sistemi di informazione integrati quali le soluzioni ERP (Enterprice Resource Planning), i sistemi di gestione documentali, i sistemi di customer relationship management (CRM), la tracciabilità del prodotto, le piattaforme di gestione integrata delle funzioni aziendali, gli strumenti di business intelligence e di business analytics nonché per il commercio elettronico, la manifattura digitale, la sicurezza informatica ed il cloud computing;
  10. soluzioni ed applicazioni digitali che secondo il paradigma dell’Internet of Things consentano uno scambio di informazioni tra macchine e oggetti.

I Piani possono essere avviati successivamente al 23 luglio 2018 e devono essere conclusi (quietanza dell’ultima fattura), entro e non oltre 18 mesi dalla data di trasmissione del Decreto di Concessione.
Nel particolare si finanzia:

  1. l’acquisto di impianti, macchinari, attrezzature e attivi in genere necessari all’applicazione nel processo produttivo dei risultati (es. tecnologie, prototipi, brevetti, ecc) della ricerca industriale e dello sviluppo sperimentale;
  2. l’acquisto di tecnologie open source e basate sull’uso di internet e di altre tecnologie web;
  3. l’acquisto e l’installazione di hardware, apparati di networking, inclusa la fornitura della tecnologia wi-fi, attrezzature, strumentazioni e dispositivi tecnologici e interattivi di comunicazione e per la fabbricazione digitale, nonché l’acquisto e l’installazione di sistemi di sicurezza della connessione di rete;
  4. l’acquisto di software, brevetti e prototipi solo se dalle loro applicazioni si conseguono risultati innovativi nel processo produttivo e sono legati al progetto da agevolare, nonché licenze o altre forme di proprietà intellettuale anche a canone periodico o a consumo. In quest’ultimo caso, le spese saranno ammissibili limitatamente al periodo di durata del progetto;
  5. l’acquisizione di servizi di cloud computing, di registrazione di domini e di caselle di posta elettronica limitatamente al periodo di durata del progetto, nonché l’acquisizione di servizi informatici concernenti i sistemi di cui alla lettera d) del presente comma, incluse le attività di controllo e monitoraggio;
  6. l’acquisto di sistemi informatici e telematici di gestione aziendali e per applicazioni mobili;
  7. acquisto di impianti, macchinari, attrezzature, strumenti e sistemi nuovi di fabbrica inerenti al progetto presentato

Le tipologie di spese dovranno essere congrue, ovvero conformi a prezzi di mercato. A tal fine, occorrerà produrre tre preventivi di spesa sottoscritti dal legale rappresentante del fornitore (fare attenzione al codice Ateco del fornitore), recanti in allegato eventuali listini del produttore.

Domenico Pisano

About Redazione

Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *