Valle Caudina: accordo di programma per lo Stir di Casalduni, si abbattono i costi per il contribuente

By on 4 dicembre 2017

Sottoscritto l’accordo di programma tra Regione Campania, Provincia di Benevento e Società di servizi Samte, interamente partecipata dalla Provincia, per realizzare un impianto di compostaggio presso lo Stir di Casalduni. Il protocollo è stato firmato presso la sede della Giunta della Regione Campania in via S. Lucia di Napoli alla presenza del Governatore Vincenzo De Luca, del Presidente della Provincia Claudio Ricci, dell’Amministratore Unico di Samte Nicolino Cardone e del direttore tecnico Liliana Monaco.
L’intervento, che potenzia le attività dello Stir di Casalduni, è destinato a completare il ciclo integrato dei rifiuti nel Sannio, potenziando l’impiantistica presente sul territorio. Di conseguenza si avrà una sensibile ricaduta positiva sulle tasche dei contribuenti della Provincia di Benevento in quanto con la messa a regime dell’impianto di compostaggio i rifiuti della frazione umida non dovranno più essere conferiti fuori Provincia e dunque i costi di gestione saranno abbattuti.
L’intervento comporta un investimento di 12 milioni di Euro e l’accordo disciplina le competenze dei tre Soggetti firmatari per realizzare le nuove opere.
L’accordo ha una validità di 36 mesi al termine dei quali dovrà essere consegnato un impianto capace di lavorare la frazione dell’umido prodotto in Provincia per 30mila ton/anno. La struttura occuperà anche una area dove insistono ora in deposito le ecoballe che sono in via di rimozione: tale area occupa circa 13mila mt. quadri, inoltre l’impianto sorgerà in una zona in cui sussiste una struttura coperta.
Il Presidente Ricci, nel commentare la sottoscrizione dell’accordo, ha ringraziato il Governatore De Luca e la struttura tecnica della Regione per la conclusione di un lavoro andato avanti per anni e che è destinato, così ha detto, a dare autonomia al territorio e ad ottimizzare le risorse finanziarie disponibili per una migliore gestione del ciclo dei rifiuti a tutto vantaggio dei cittadini sanniti, che si vedranno nel medio periodo ridurre le tariffe per il servizio. Il Presidente Ricci ha anche voluto dare atto alle strutture della Provincia e della stessa Samte di aver posto in essere un forte impegno a favore del territorio. “Stiamo lavorando con ogni impegno per sollevare dalle nostre teste quella Spada di Damocle che l’Europa ci ha imposto a ragione della gestione del ciclo dei rifiuti negli anni passati: stiamo riducendo progressivamente la sanzione di 120mila Euro che ci è piovuta sulla testa dal 2015 ad oggi come cittadini campani. Con oggi abbiamo messo in campo come Provincia di Benevento e, dunque, come Samte un ulteriore importantissimo tassello per migliorare la qualità della vita sul nostro territorio: questo il commento di Ricci.
A margine della sottoscrizione dell’accordo il Presidente Ricci ha posto all’attenzione del Governatore De Luca il tema della necessità e dell’urgenza del completamento del processo di rimozione e smaltimento delle ecoballe ancora presenti sul territorio sannita e che destano allarme nella popolazione e negli amministratori. Il Governatore De Luca ha assicurato che la Regione sta lavorando con ogni impegno per risolvere tale stato di cose nel più breve tempo possibile.  

About Redazione

Un commento

  1. luciocoscia

    6 dicembre 2017 at 07:08

    E irpiniambiente società interamente partecipata dalla provincia di Avellino cosa fa?
    Fa una gara x diversi milioni di euro per il trasporto e lo smaltimento dei rifiuti organici per trsferirli chissà dove perché non ha impianti sufficienti di compostaggio per il loro trattamento. Così rotondi che produce una percentuale sul totale prodotto tra il 40/45 % di rifiuti organici deve pagare a irpiniambiente solo x lo smaltimento 180 euro + 10% di Iva a tonnellate.
    tutto ciò a vantaggio dei cittadini di rotondi e delle provincia di Avellino.
    evviva irpiniambiente evviva la provincia di Avellino evviva il sindaco di rotondi al quale dissi di non andare con irpiniambiente ma sul mercato.

Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *