Rubrica Medicina: Arriva l’influenza, attenti al palato molle

By on 3 ottobre 2015

Una ricerca pubblicata sulla rivista Nature ha messo in evidenza come il palato molle, ossia la parte posteriore del palato vicino al rino-faringe, sia uno dei principali canali di trasmissione dei virus influenzali. Infatti, secondo uno studio condotto sul virus dell’H1N1 in collaborazione tra il MIT e il NIAID Massachusetts Institute of Technology (MIT), insieme ai colleghi del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID). pare che il palato molle sia il principale canale di trasporto dei virus nell’aria, e di conseguenza della trasmissibilità da una persona all’altra. L’ipotesi formulata dagli autori sostiene che i virus aerei (ossia in grado di diffondersi per via aerea) nel palato molle riescano ad inglobarsi alle particelle di muco prodotte dalle cellule in situ (o meglio di legarsi ai recettori posti sulla superficie di queste cellule e quindi di attaccarsi al muco) riuscendo in questo modo a sopravvivere e a diffondersi molto rapidamente ad esempio attraverso gli starnuti e la saliva. Sarebbe forse utile a questo punto, oltre alla classica igiene delle mani, prestare anche una maggior attenzione alla propria igiene orale, considerata l’alta potenzialità di questo organo di favorire, suo malgrado, la trasmissibilità dei virus anche pandemici come ad esempio quello dell’H1N1  responsabile della pandemia influenzale del 2009, che ha causato circa 250mila morti.

 Ugo Cioffi

puliziaviso_Layout-1

About Redazione

Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *