Montesarchio: emergenza sicurezza, notte di terrore per una giovane ragazza

By on 14 aprile 2018

E’ successo l’altra notte in Via Vitulanese, era da poco passata l’una di notte e la giovane stava rincasando, aveva appena trascorso una serata ad una festa di classe e mentre chiudeva l’uscio della porta, ci racconta un parente, un migrante di colore, probabilmente nigeriano, con parole minacciose dai contenuti sessualmente espliciti, profferite in inglese e italiano, tentava di forzare la porta, spingendo con forza e rabbia.
Le grida di paura provenienti dalla ragazza hanno allertato il padre, il quale in un’azione di contrasto riusciva a spingere l’aggressore fuori dall’abitazione, a questo punto il migrante si dava alla fuga.
E’ solo grazie all’intervento del padre che la ragazza, frequentante le scuole superiori di Montesarchio, ha evitato la violenza e l’aggressione. Fosse stata sola…
“Abbiamo paura di girare per le strade del nostro paese. E’ inaccettabile che chi viene ospitato in Italia possa compiere un gesto così efferato. -ha continuato lo stretto parente della giovane- Un’adolescente che sarà segnata per il resto dei suoi giorni a causa della bestialità di un uomo indegno di essere definito tale, e per il quale ci vorrebbero serie misure restrittive. Ci vogliono pene esemplari”.
Sull’episodio, ci poniamo degli interrogativi: come mai a quell’ora di notte il migrante circolava indisturbato senza che nessuno controlli? Vige un regolamento che scandisca la vita nei centri di accoglienza? E se sì, sono regolamentate anche queste assenze notturne?

 

About Redazione

2 Comments

  1. Carolina Perone

    14 aprile 2018 at 11:42

    Nessuno li ha invitati ne ospitati, sono portati qui da un governo corrotto!!

    • Gianni

      14 aprile 2018 at 20:04

      Purtroppo è sempre il popolo a pagarne le conseguenze. Purtroppo con rabbia mi viene di augurare questi episodi incresciosi ai figli, mogli e ai politici stessi. Cacciateli vua questi animali senza alcun rancore razzista. Noi quando andiamo in altri paesi si sol dire camminiamo con due piedi in una scarpa. Questi si sentono i padroni, impuniti e protetti dalle leggi farlocche dure e applicare alla lettera solo x gli italiani. Svegliamoci gente questi ci stanno mettendo sotto, abbiamo perso la nostra identità.I nostri figli saranno sopraffatti dal branco uscito dalla foresta ove ha sempre governato la legge animalesca.

Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *