Cervinara, Tangredi: Solite falsità

By on 2 dicembre 2018

Riceviamo e pubblichiamo.

Non è la prima volta, nè probabilmente sarà l’ultima, che si cerca di impedire di fornire alla popolazione servizi fondamentali e di realizzare l’ammodernamento del paese. Tale forma di ostruzionismo è il frutto di una mentalità politica ristretta che da sempre costituisce una palla al piede per la nostra comunità.

Mi riferisco agli articoli seguiti da manifesti che riportano idiozie e falsità, le argomentazioni svolte infatti non sono supportate da elementi concreti e manifestano una mancanza di conoscenza delle problematiche affrontate nonchè un’approssimazione a dir poco imbarazzante.

Innanzitutto nei predetti articoli si fa riferimento all’esistenza di presunti contratti di lunga durata che riguarderebbero l’affidamento della manutenzione del campo di calcio “Cioffi-Canada” per venti anni, nonchè ad un presunto affidamento decennale per la manutenzione della segnaletica stradale. Nulla di più falso! Difatti non esiste alcun affidamento per la manutenzione del  campo sportivo. L’amministrazione dopo il rifacimento del campo di calcio con un affidamento per un importo di 37.500,00 euro ha realizzato il livellamento del campo, l’impianto di irrigazione, il manto erboso e l’acquisto di un trattore tagliaerba in prestito d’uso alla societò  calcio Audax. L’appalto prevedeva una manutenzione di 6 mesi dalla data di esecuzione dei lavori, scaduta la quale non esiste alcun affidamento, ci chiediamo dove hanno letto questi atti?!

Per quanto attiene la manutenzione della segnaletica stradale orizzontale e verticale, i funzionari per evitare di effettuare affidamenti temporanei e non  continui con evidente disagio nell’erogazione del servizio, hanno ritenuto opportuno affidare i lavori per anni tre, con possibilità di proroga a cinque, ci chiediamo dove hanno letto gli atti che riportano affidamenti decennali?!

E passiamo ai progetti di finanza,  dove la combinazione del pubblico con il privato, che è prevista per legge, rappresenta per alcuni importanti settori della pubblica amministrazione l’unica opportunità per dare risposte concrete alle domande di servizi da parte della comunità. Le risorse sempre più scarse fanno sì che quasi tutti i comuni, anche a noi confinanti (vedi Montesarchio) hanno  realizzato da tempo questo tipo di attività.

Iniziando con la pubblica illuminazione, va sottolineato che ci troviamo in presenza di un impianto ormai datato e che non rappresenta più una garanzia anche in termini di sicurezza; i disservizi difatti sono frequenti ed i cortocircuiti che oscurano intere zone del paese sono numerosi. Il costo sostenuto ad oggi dal comune di Cervinara è di euro 360.000,00 annui per la fornitura di energia e 40.000,00 euro sono i costi sostenuti per la manutenzione. Oggi il “projet financing” (progetto finanza) in corso di aggiudicazione definitiva, consentirà al comune una serie innumerevole di vantaggi ad iniziare dal costo complessivo del servizio che sarà di euro 340.000,00 annui, comprensivo della manutenzione, con un risparmio per le casse del comune di euro 60.000,00; a tal proposito si ricorda che i lavori avranno inizio tra gennaio e febbraio 2019. La ditta aggiudicataria dovrà volturarsi tutte le utenze,  dovrà sostituire tutte le cabine che sono fatiscenti, dovrà rifare tutte le linee bruciate (vedi villa comunale,  vedi alloggi iacp via Variante ecc.), dovrà sostituire tutte le lampade immettendo in rete tutte luci a led, dovrà illuminare tutti i monumenti e le chiese con luci appropriate, dovrà realizzare una stazione di biciclette elettriche , il tutto per un investimento complessivo di 2,3 milioni di euro. Inoltre di non trascurabile importanza è il fatto che l’impianto di P.I. sarà coperto da polizza assicurativa di 17 milioni di euro, con costo a carico dell’aggiudicatario; a tal proposito ricordiamo che il comune di Cervinara non disponeva di questo importante strumento indispensabile per la tutela di tutti. Inoltre, si precisa che non esistono finanziamenti europei che a fondo perduto o non finanzino questo tipo di attività, come erroneamente riportato nel manifesto. L’azienda che si è aggiudicata l’appalto otterrà  i ricavi attraverso  il minor consumo di energia elettrica. Alla luce di tutto questo ci chiediamo dove hanno letto che dovranno pagare i cittadini di Cervinara?!

Veniamo al problema della costruzione dei loculi cimiteriali. Il comune di Cervinara lanciò nella precedente amministrazione una manifestazione di interesse,  per determinare quanto fosse estesa l’esigenza di avere un loculo da parte dei cittadini, le richieste presentate al comune furono circa 900. Da precisare che l’autorità di bacino attraverso propri studi ha determinato che il cimitero non può essere ampliato in alcun modo in quanto ricade in piena zona rossa:  anzi si ritiene necessario pensare alla realizzazione di un secondo cimitero che richiede tempi lunghi, nelle more è possibile solamente, sempre per la suddetta autorità di bacino, costruire loculi nell’area cosiddetta della “spagnola”. Il costo dei loculi attraverso studi di fattibilità sarà imposto dal Comune onde evitare speculazioni varie e a tutela dei cittadini. L’aggiudicatario provvederà alla costruzione dei loculi, al rifacimento della rete fognaria del cimitero, al ripristino di tutti i viali di accesso, alla manutenzione del verde e alla pulizia dell’area, alla potatura degli alberi, alla videosorveglianza del cimitero estesa anche ad alte aree del paese, alla gestione delle lampade votive. Il costo a base d’asta per la vendita dei loculi , comprensivo dei lavori sopracitati è determinato in euro 3.000,00 per ogni singolo loculo, suscettibile di ribasso.

La scelta politica del progetto finanza è stata determinata sia dall’esigenza impellente che ci viene dai cittadini sia per il fatto che l’ente comune con le proprie difficoltà e lungaggini burocratiche avrebbe incontrato seri ostacoli nel realizzare l’opera ed i relativi servizi di cui sopra annessi in tempi certi.

In conclusione, si ribadisce che l’amministrazione svolge la propria attività nel pieno del proprio mandato, nel rispetto della legge ed in primis nell’interesse dei cittadini al fine di concretizzare il programma elettorale che intendiamo perseguire e realizzare. 

Il Sindaco

Filuccio Tangredi

About Il Caudino

Un commento

  1. gr. consiliare Terramia

    3 dicembre 2018 at 09:27

    Senza entrare nel merito dei contenuti, e’ apprezzabile e importante che ci sia una risposta pubblica alla minoranza e alla pubblica opinione, alimentando e incoraggiando così il dibattito pubblico ma soprattutto salvaguardando il livello minimo di decoro istituzionale, altrove (es. Rotondi) introvabile.
    A margine ritengo un grave errore (ma un comodo artificio propagandistico) accusare di ostruzionismo la minoranza che, assumendosi la responsabilità della critica all’operato di chi detiene il potere esecutivo, svolge il mandato ricevuto dagli elettori. Le minoranze (come l’Informazione) vanno rispettate e tutelate per la funzione fondamentale che svolgono nella dialettica democratica.
    P Citarella (consigliere comunale)

Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *