Cervinara, ancora roghi di plastica

By on 9 agosto 2018

Estate 2017:

le montagne bruciano,il cielo di Cervinara si riempie di fumo e di elicotteri che fanno quel che possono,negli occhi dei Cervinaresi la tristezza nel vedere i propri monti perdere il verde per tingersi di quel rosso che poco ha a che fare con i tramonti estivi.

Agosto 2018:

altra estate, altri fumi.

Stavolta quelli dall’odore pungente di plastica data alle fiamme da chi, probabilmente,crede che la civiltà sia solo un optional,che il rispetto per l’ambiente e soprattutto per chi lo popola non si dimostri nell’ onorare il proprio habitat né preservare l’aria che si respira,qualcuno che,a quanto pare,non sa o finge di non sapere, quanto dannoso sia inalare ciò che quel fuoco sprigiona.

E gli organi preposti al controllo dove sono?

E la nostra amministrazione dov’è?

In piazza Regina Elena forse…ad occuparsi della plastica di un pallone “nocivo”…

Lasciando a noi finestre chiuse di notte, quando il caldo la fa da padrone ed il cielo stellato dell’estate non può tenerci compagnia.Lasciando narici aperte all’acre odore di fumo e la speranza non ci lasci addosso conseguenze irreparabili.

Grazie per le notti di “combustione”…non le avevamo mai considerate

Cervinara ha bisogno di te

(Immagine di repertorio)

About Il Caudino

Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *